I kit Agritest si basano su metodi diagnostici sierologici (ELISA) e molecolari (Dot-blot ibridazione) in rispetto delle conoscenze scientifiche di patologia vegetale, delle necessità dei clienti e dello scopo delle indagini.

Le tecnologie applicate per sviluppare i kit diagnostici sono condivise con i centri di ricerca nazionali con i quali Agritest collabora:

  • University of Bari Dipartimento di Scienze del Suolo della Pianta e degli Alimenti (DiSSPA),

  • CNR, Istituto per la Protezione Sostenibile delle Piante (IPSP),

  • Centro di Ricerca, Sperimentazione e Formazione in Agricoltura Basile Caramia (CRSFA),

  • Istituto Agronomico Mediterraneo di Bari (IAM-CHIEAM).

 

Anticorpi

I kit di diagnosi sierologica si basano sul metodo ELISA con anticorpi sviluppati contro le proteine dell’organismo patogeno, reso disponibile dai i centri di ricerca nazionali. I saggi sono calibrati su campioni di piante infette, isolati di riferimento in collezione, e standard proprietari preparati da proteine ricombinanti.

Sonde molecolari

I kit di diagnosi molecolare sono basati sul metodo di Dot-blot ibridazione, con sonde DNA non radioattive. La scelta del metodo è dovuta al vantaggio di poter eseguire analisi simultanee di target multipli, in laboratori a basso investimento di strumentazione. Agritest sviluppa tecnologie protette:

Patent pending

Synthesis and use of a polyprobe for the detection of viral infections in globe artichoke” (EPO application n° 14002761.6), Agritest srl, 2014.

 

In licensing “Diagnostic set and method to detect fitovirus infections in nursery productions”. Italian patent n° 0001355079, University of Bari, 2004.

 

The Ponte Project
Tropic Safe